Iniziati in Misericordia i Venerdì di Quaresima - Rosolini 4 marzo 2022 - misericordia rosolini

Misericordia di Rosolini
OdV
"fare il bene ti fa bene"
Vai ai contenuti

Iniziati in Misericordia i Venerdì di Quaresima - Rosolini 4 marzo 2022

INIZIATI IN MISERICORDIA I VENERDÌ DI QUARESIMA
DA ROSOLINI LA STAFFETTA DI PREGHIERA PER LA PACE DELLE MISERICORDIE D’ITALIA
Rosolini 4 marzo 2022


Lo scorso anno – era il 19 febbraio 2021 – il nostro correttore don Luigi Vizzini affidava al Patrocinio della Madonna Addolorata la nostra Confraternita, da sempre venerata dai volontari e confratelli. Come risposta devozionale, “i confratelli della Misericordia, nel chiedere umilmente alla Madre Addolorata abbondanti grazie e protezione per la Confraternita, per tutti confratelli e volontari, per le Misericordie d’Italia, per gli ammalati, gli anziani, gli emarginati e i poveri, per la Città di Rosolini, implorando al contempo pace per tutto il mondo e la sua liberazione dalla pandemia da covid 19 e da ogni male” facevano voto di recitare il Santo Rosario durante i Venerdì di Quaresima.
Ieri sera, nel salone dell’Oratorio Buon Pastore, i volontari hanno pregato per la Pace e la fine della guerra in Ucraina e di tutte le guerre, unendosi alle Misericordie d’Italia nella Staffetta di Preghiera, voluta dal Correttore Nazionale, mons. Franco Agostinelli, in risposta all’appello di Papa Francesco per la Pace.
Stiamo vivendo un altro dei momenti più bui della storia dell’umanità, già profondamente provata dalla terribile pandemia che da più di due anni semina nel mondo malattie e morte e ci ha privato della bellezza dei rapporti umani e comunitari” ha detto la custode Carmela Aprile nell’introduzione al Santo Rosario. “La durezza del cuore degli uomini, ancora una volta, mette l’uomo contro l’uomo, popoli contro altri popoli. La guerra che si sta combattendo in Ucraina in questi giorni e quelle che si combattono in altre parti del mondo, in quella che Papa Francesco chiama “la terza guerra mondiale spezzettata”, dimostra la nostra incapacità di amare. Per questo, oltre a mobilitarci per dare aiuto concreto e immediato al popolo ucraino e a quanti vivono in situazione di guerra e di povertà, vogliamo pregare il Dio dell’Amore, attraverso lo speciale intervento di Maria Addolorata, perché nei nostri cuori e nel mondo intero alberghi la Pace”.
Nella staffetta di preghiera per la Pace che vede unite le tante Misericordie sparse in Italia, abbiamo ricevuto il testimone dai confratelli della Misericordia di San Giovanni Valdarno, in provincia di Arezzo” ha ricordato il vicegovernatore, Salvatore Magrì. “Noi stasera lo consegniamo ai confratelli della Misericordia di Benevento. Così facendo ci uniamo idealmente a tutti i volontari delle Misericordie d’Italia che stanno pregando per invocare la Pace, certi dell’efficacia e della potenza della preghiera”.
codice fiscale 92008080894
Torna ai contenuti