i confratelli in ritiro - 20 ottobre 2019 - misericordia rosolini

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

i confratelli in ritiro - 20 ottobre 2019

I CONFRATELLI IN RITIRO

Rosolini 20 ottobre 2019



Si è svolto domenica 20 ottobre, dopo la pausa estiva, il ritiro dei confratelli della Misericordia di Rosolini che, come di consueto, si sono ritrovati presso l'oratorio San Domenico Savio.
Presenti il Governatore Nino Savarino, il suo vice Salvatore Magrì ed un gruppo di confratelli effettivi. Assieme a loro erano presenti molte "new entry", ossia i volontari che hanno presentato la domanda per divenire confratelli effettivi. A loro il governatore ha voluto dare il suo accorato benvenuto, auspicando che il cammino da loro intrapreso possa condurli fino alla vestizione e che la loro presenza possa restituire nuovo vigore alla nostra Confraternita.
A guidare la riflessione spirituale il "nostro" diacono Donato Matassa che, proprio a beneficio dei nuovi, ha voluto spiegare l'importanza delle Lodi mattutine e della Liturgia delle ore quale principale forma di preghiera comunitaria nella Chiesa Universale, che scandisce i momenti principali della vita del cristiano attraverso la Parola di Dio contenuta nei Salmi. Donato si è poi soffermato sulla lettura breve, tratta dall'Apocalisse di San Giovanni, spiegando come la salvezza sia già stata donata da Cristo attraverso la propria Resurrezione ad ogni cristiano: a ciascuno di noi spetta, dunque la scelta se accogliere questo Dono e lasciarsi salvare o rifiutarlo e l'Inferno non è altro che la conseguenza di tale rifiuto.
A seguire, un momento inedito, con il Governatore che ha proposto la tematica dello stare insieme, come opportunità per realizzare ciò che da soli sarebbe impossibile immaginare e, al contempo, come fonte costante di problemi e tensioni relazionali, provocando, attraverso alcune domande mirate, le reazioni dei presenti, che non sono certo mancate. "La contraddizione insita nello stare insieme - ha poi proseguito Savarino - può essere superata soltanto l'Amore di Dio, unica Forza in grado di rendere questo stare insieme dolce". Il riferimento è al Salmo 133, che è stato letto ed infine anche cantato.  
L'ultima parte del ritiro è stata, come sempre, dedicata alle problematiche concrete della nostra Misericordia ed è stato, tra l'altro, formalmente approvato all'unanimità dall'Assemblea dei Confratelli il nuovo Regolamento Generale, aggiornato alla luce del l'adeguamento dello Statuto della Confraternita che era stato, a sua volta imposto dall'entrata in vigore del nuovo Codice del Terzo Settore.
A conclusione della convivenza il pranzo conviviale, che rappresenta sempre un'occasione più che mai preziosa per creare un autentico clima di famiglia attraverso la condivisione della tavola e del mangiare, dello stare insieme come fratelli.

 
Copyright 2018. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu