Conferenza dei Coordinatori e dei Consiglieri Nazionali della Sicilia - Petralia Soprana 16 gennaio 2022 - misericordia rosolini

Misericordia di Rosolini
OdV
"fare il bene ti fa bene"
Vai ai contenuti

Conferenza dei Coordinatori e dei Consiglieri Nazionali della Sicilia - Petralia Soprana 16 gennaio 2022

CONFERENZA DEI COORDINATORI E DEI CONSIGLIERI NAZIONALI DELLA SICILIA IN VISTA DELLA COSTITUZIONE DELLA FEDERAZIONE REGIONALE DELLE MISERICORDIE DI SICILIA
Petralia Soprana (PA) 16 gennaio 2022


Si è riunita oggi a Petralia Soprana (PA) la Conferenza dei Coordinatori e dei Consiglieri Nazionali della Sicilia in vista della Costituzione della Federazione Siciliana delle Misericordie, prevista il prossimo 29 gennaio a Palermo.
Presenti alla riunione anche il Probiviro Nazionale, Nino Savarino, nostro governatore, e Annalina Schillaci, della Misericordia di Pedara, membro del Collegio Nazionale dei Saggi.
Santino Mondello, Presidente Regionale delle Misericordie e governatore della Misericordia di San Piero Patti (ME), ha presieduto la Conferenza a cui hanno preso parte Ugo Bellini, Vicepresidente Nazionale e governatore della Misericordia di San Giovanni La Punta (CT), la nostra Maria Grazia Scatà, Coordinatrice delle Misericordie di Ragusa e Siracusa (Misericordia di Rosolini), Alfredo Distefano, Presidente del Comitato Provinciale delle Misericordia di Catania (Misericordia di Pedara), Concetta Calabrese, Coordinatrice delle Misericordie di Palermo (Misericordia di Valledolmo), Santo Cantali, Coordinatore delle Misericordie di Enna (Misericordia di Regalbuto), Carmelo Vaccaro, Coordinatore delle Misericordie di Agrigento (Misericordia di Campobello di Licata) e Salvatore Montaperto sempre della Misericordia di Campobello di Licata.
A fare gli onori di casa il Correttore Regionale, don Calogero Falcone, arciprete della Chiesa Madre dedicata dei Santi Apostoli Pietro e Paolo, nella cui splendida sacrestia si è tenuta la riunione.
La Conferenza ha gettato le basi per un rilancio del Movimento delle Misericordie siciliane che rappresentano una delle realtà più importanti nel panorama siciliano del volontariato e che vogliono affrontare, con sempre maggiore slancio e impegno, le sfide del prossimo futuro, che certamente risentiranno della drammaticità del periodo pandemico.
La Federazione è lo strumento attraverso il quale il Movimento delle Misericordie si scommette sul territorio per dare voce alle tantissime povertà presenti, per affrontare le criticità sociali con lo stile delle Misericordie e per essere protagonista attivo a fianco dei fratelli che sono nel bisogno.
Nella Santa Messa celebrata a metà mattinata, don Calogero, commentando il Vangelo sulle nozze di Cana, ha fornito una chiave di lettura che ben si innesta nel percorso cui sono chiamate le Misericordie Siciliane: “Gesù ha trasformato l’acqua in vino. Ha trasformato quell’acqua che si trovava in sei anfore che rappresentano la nostra imperfezione, il nostro limite umano. Il numero 6 è il numero della imperfezione, le anfore sono contenitori che possono facilmente rompersi. Gesù è colui che trasforma la nostra imperfezione, che trasforma il nostro cuore per poter essere testimoni fedeli dell’amore di Dio per l’uomo”.
Possano le Misericordie, nonostante le loro precarietà, le loro imperfezioni, diventare testimoni della cultura della carità.
Alla Conferenza ha voluto dare il saluto di Petralia Sopra, perla delle Madonie e uno dei borghi più belli d’Italia, il sindaco dott. Pietro Macaluso.
Il prelibato pranzo è stato consumato nella sagrestia e subito dopo don Calogero ci ha fatto ammirare il tesoro del Duomo.
Una visita a Petralia Soprana è caldamente raccomandata.
Appuntamento a Palermo a fine mese.
codice fiscale 92008080894
Torna ai contenuti